Verità e strumentalizzazioni – Parte II

Su “Settegiorni” del 20 marzo, Federazione della Sinistra tenta di abbozzare una risposta al nostro scritto della settimana precedente. Viene citata la sentenza del Consiglio di Stato che non fa altro che indicare un percorso che il Sindaco ha seguito scrupolosamente, cioè di avvalersi di supporti tecnici competenti quali ARPA, Ats e Amat.

Questi enti si sono espressi più volte rilevando come il livello di inquinamento locale sia assimilabile a quello di tutta la Pianura Padana. Siamo, a dir vero, stanchi di ribadire sempre gli stessi concetti, ma questa è la situazione e la sentenza citata non è stata disattesa.

Forse è Federazione della Sinistra a non capire che un Sindaco non può agire in contrapposizione a pareri tecnici ripetutamente espressi da parte di enti competenti, ed incorrere nel rischio di subire denunce ed annullamenti delle decisioni. Le conseguenze sarebbero per il Comune di dover poi corrispondere le inevitabili richieste di risarcimento danni.

Viene infine criticato il fatto che per l’asfaltatura delle nostre strade Gaia si sia rivolta alla Bitumati. È già stato risposto tempo fa – ma occorre ricordarlo ancora – che Gaia ha l’obbligo, per corrispondere all’interesse del Comune e di legge, di ricercare il prezzo più basso e che l’entità della fornitura è irrilevante rispetto alla produzione della Bitumati, quindi non rappresenta affatto un favore all’azienda.

Inoltre una forma d’inquinamento è anche determinata dalla lunghezza dei percorsi che i mezzi devono seguire e la vicinanza favorisce una minore diffusione degli inquinanti.

Ripetute queste considerazioni gradiremmo che il confronto sull’argomento, da parte di Federazione della Sinistra, favorisca nei cittadini una più chiara comprensione del problema, che da anni è oggetto di attenzione da parte dell’Amministrazione, anziché riversare astiosità nei confronti del Partito Democratico, dimostrando la totale assenza di elementi concreti su cui discutere.

Il coordinamento del Circolo PD di Bollate

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *